venerdì 22 dicembre 2017

Quando due furbi s'incontrano uno dei due è costretto a cambiare categoria. (Michelangelo)

Non ho seguito la puntata del 21/12/17 di Piazza Pulita, ma mentre Di Battista veniva intervistato da Formigli, ho notato che su FB molti dei miei contatti che hanno aderito a Liberi e Uguali si sono espressi benevolmente verso il rappresentante pentastellato, certificando molte sue affermazioni come profondamente condivisibili.

Non è una modalità inconsueta, nel campo della sinistra, quella di prodursi in endorsement abbastanza incongrui, date le precedenti sferzanti critiche sui soggetti momentaneamente osannati. Avvenne anche ai tempi della prima guerra del Golfo, quando molti si produssero in entusiastici commenti a favore del Papa, che aveva una posizione programmaticamente pacifista, immemori di averlo sfanculato fino al giorno prima, quando parlava di aborto, e tornando a farlo alla prima occasione utile.

Sta di fatto che anche il più disattento degli osservatori può agevolmente rilevare che mentre Bersani torna a tendere la mano ai pentastellati, M5S supera, con una disinvoltura solo apparente, il suo originario dogma sulla non commistione con i partiti collusi e apre alla possibilità di alleanze quantomeno operative.
Sulla cosa ho un'opinione che forse è un po' azzardata, ma che mette insieme una certa ambiguità strategica di LeU e il passaggio di M5S da semplice macchina da opposizione a soggetto governante.

Io penso che la creatura politica di Bersani e D'Alema, che sta avendo un certo successo principalmente per il desiderio di molti simpatizzanti di fare qualcosa per uscire dal profondo buco nel quale si è cacciata la sinistra, sia alla fine più che altro un tentativo di reinventare il PD, ma senza Renzi e con lo scopo di recuperare il voto di sinistra copiosamente drenato dai 5Stelle fin dal loro apparire, ragione per la quale si produce in qualche apertura verso i pentastellati allo scopo di riappropriarsi di scaglioni di elettori persi da molto tempo.

Ma si tratta di un tentativo goffo e che fa mostra di una condiscendenza perfino ridicola, considerando che, stando ai sondaggi, LeU dentro M5S ci ballerebbe non meno di tre volte, nella migliore delle ipotesi.
Che c'entra? Beh diciamo che, come minimo, siamo di fronte a posizioni negoziali non precisamente equivalenti. M5S ha le vele al vento, si è tenuto le mani libere, gode di una rendita di posizione cospicua e ha molte opzioni di fronte, mentre LeU si gioca tutto su una coppia di scartine, sperando che qualcuno si distragga e non si accorga di una manovra che spicca, litizzettianamente, come un paracarro nel sole del tramonto.

La penosa furbata di LeU parte dalla constatazione che M5S sembra non riuscire a schiodarsi da una situazione che lo vede padrone di un terzo dei consensi, ma non di più, ragione per la quale ha cominciato a demolire il dogma dello splendido isolamento per scongiurare uno stallo inconcludente.
Per farlo dovrà rimangiarsi molte cose, e non sono così convinto che abbia voglia di mettersi realmente alla prova, ma diciamo che si prepara a governare con qualche tipo di alleanza. Ecco dunque che LeU pensa di poter approfittare della situazione per ritagliarsi un ruolo, forse con un occhio al partito ago della bilancia, di craxiana memoria, e proporsi come utile complemento per superare il più che probabile stallo post elettorale e, per buona misura, ripigliarsi un po' di voti confluiti in M5S.

Ma io credo che il movimento difficilmente collaborerà in questo senso, dato che gli si possono muovere molte critiche, ma certo non quella di essere composto da fresconi senza malizia, e alla fine troverà più conveniente guardare a destra, ovvero ad una compagine consistente sulla carta, ma assai fragile nei fatti e dalla quale potranno staccarsi pezzi abbastanza consistenti da svolgere il ruolo che vorrebbero ritagliarsi D'Alema e Bersani, ma con il vantaggio di una maggiore vicinanza a molte delle posizioni espresse su immigrazione ed Euro, per non parlare di un elettorato meno litigioso e tranquillizzato dalle intercorse aperture grilliane ad associazioni di categoria come Assolombarda.

Mi sto arrampicando sugli specchi? Forse, e forse no, dato che la scena politica italiana ha, da molto tempo, la lineare verosimiglianza di un pezzo teatrale à la Ionesco.
E forse, alla fine, M5S potrebbe anche aver scherzato, non sarebbe la prima volta che si dichiarano aperti ad iniziative condivisibili, salvo poi non farne niente. Dipenderà anche dal tipo di risposta che la base pentastellata darà non appena vedrà che quelle aperture comportano la frequentazione di partiti e politici fin qui abbondantemente demonizzati.

E' di oggi la notizia dell'ingresso della Boldrini in Liberi e Uguali. Come la prenderanno tutti quei gentiluomini e nobildonne del movimento che hanno passato anni a collocarla tra le virtuose del meretricio interrazziale?


mercoledì 6 dicembre 2017

Montagne e topolini

Nel campo della sinistra si discute molto della nuova creatura politica, quel Liberi e Uguali nato dalla fusione fredda di tre entità non-piddine, o forse e più correttamente dovremmo dire diversamente piddine.

Molti, tra cui il sottoscritto, non possono che rimanere freddi, contemplando gli sforzi profusi per rilanciare la formula politica del centrosinistra, consci di come quell'assetto abbia costituito il brodo di coltura del renzismo, inaggirabile conseguenza logica della stagione blairista che ha travolto la sinistra occidentale nel suo complesso.

Si discute soprattutto del fatto che molti non vedono proprio come potrebbero votare chi ha fatto passare provvedimenti vergognosi, mediante astensioni strategiche, quando non votandoli direttamente, salvo poi prodursi in speciosi distinguo, ridicolmente lunari, o penose lacrime coccodrillesche.

Una delle obiezioni che vengono indirizzate a chi, come me, nutre una monumentale diffidenza verso quella specie di PD in sedicesimo e derenzizzato, sta nel qualificare certe scelte collaborazioniste come inevitabili, data la situazione peculiare nella quale maturarono.    Qualcuno si spinge addirittura a scomodare il pragmatismo del patto Ribbentrop-Molotov, dimentico del fatto che quello sciagurato esercizio di realismo politico risultò alla fine del tutto inutile e controproducente, favorendo Hitler molto più di quanto convenisse all'URSS.

Sarei dunque molto cauto con le ineluttabilità storiche.  Le mosse della restaurazione liberista che ha definitivamente ucciso la mediazione socialdemocratica, con la quale si illuse chi era disposto a credere all'esistenza di un capitalismo dal volto umano, ci vengono spacciate come inevitabili ed emergenziali, ma non furono altro che la strumentalizzazione del decorso di una crisi economica ingenerata dai meccanismi dissipatori di un capitalismo definitivamente entrato nella sua fase finanziaria.
Il governo tecnico Monti approfittò della congiuntura favorevole per un deciso balzo in avanti di vecchi disegni liberisti in agguato da più di cinquant'anni.

La sinistra del XXI secolo ed i sindacati, la prima in cerca di un ruolo post-muro ed i secondi in crisi di appeal, collaborarono, non reagendo in alcun modo.   Quella sinistra poi aderì al nuovo corso quando, evaporato il fenomeno Monti, si  insediò ai posti di comando, aggiungendo all'edificio neoliberista mattoni fondamentali, come il Job Act, e facendo ingegneria costituzionale in chiave presidenzialista.

Qualcuno vuole dimenticare chi collaborò e a che cosa? Si accomodi, ma io passo, grazie. Non si tratta di essere vendicativi, o di togliersi sassolini dalle scarpe, o di coltivare vecchi fantasmi d'integrità dottrinaria fine a se stessa, ma solo di essere convinti che se hanno contribuito a creare le condizioni che stiamo vivendo, rifuggendo bellamente da ogni accenno anche solo larvatamente autocritico, allora non possono che continuare su un cammino che li pone tra i miei nemici.

Alternative?  Nessuna, anche perché per fare questo mini-PD hanno strozzato nella culla un processo che aveva il fatale difetto di porsi, programmaticamente, il superamento degli attuali stati maggiori, quelli che si sono ora così convenientemente sistemati, salvo evaporare dopo un esito elettorale per forza di cose insufficiente e l'inevitabile indulgere nelle tradizionali mene egemoniche delle diverse componenti.

Le prossime elezioni saranno una faccenda nella quale la sinistra non avrà alcun ruolo, ragione per la quale ho sempre visto l'ansia prestazionale relativa alla prossima tornata elettorale come una pericolosa distrazione. 

Avremmo fatto meglio a concentrarci sulla costruzione di un nuovo percorso, privo di ingombranti e impresentabili aderenze con un passato prossimo fallimentare.
Sono profondamente convinto che le ragioni della mia freddezza siano ampiamente condivise da un numero veramente troppo elevato di delusi, come le percentuali di astensione, in continua crescita, stanno a dimostrare.


Parliamo, tutti quanti, i pro e i contro, ma basta aspettare. I fatti faranno giustizia e spiegheranno molto meglio la strada che stiamo percorrendo, anche se molti chiameranno ancora cioccolato le merde che calpesteremo.

domenica 3 dicembre 2017

L'occhio vede solo ciò che la mente è preparata a comprendere. (H. L. Bergson)






Questa volta sarò insolitamente breve, perlomeno per i miei standard, ma la funzione on this day di Facebook, mi ripropone un post che mi ha sempre colpito per le sue implicazioni le quali adesso, inevitabilmente, fomentano in me alcune considerazioni che desidero esporre qui, in forma tutto sommato sintetica.
Mi riferisco ad un post con una foto piuttosto interessante la quale, in un'occasione, spinse un amico a criticarne la valenza relativista, soprattutto in campo politico, che vi può essere attribuita. Per come la vedo io però questa rappresentazione grafica sottolinea che esiste una verità oggettiva e una o più visioni possibili, le quali possono essere in malafede, ma allora dovremmo parlare d'altro, in buonafede, o semplicemente non sufficientemente informate. La verità esiste, ma noi dobbiamo fare i conti con i nostri limiti ed essere sempre pronti ad acquisire dati senza farci deviare. La voluttà del giusto e corretto è desiderabile, ma non molto realistica. Un fenomeno fisico può risultare incomprensibile o frainteso per la semplice inadeguatezza degli strumenti di osservazione e un costrutto matematico è valido all'interno dei propri peculiari presupposti, non in altri. In campo economico o politico, che a dispetto di quanto affermano i loro esperti e cultori, io non posso proprio annoverare tra le scienze, ogni parvenza di oggettività implicita diviene problematica e praticabile con esiti incerti. Ecco allora che entrano in campo interessi specifici, per come la vedo io, e allora questa grafica mi ricorda che esistono diversi punti di vista e che io farò bene a tenerne conto, non per farmi sviare, ma per comprendere meglio certi meccanismi e combatterli meglio magari, o anche cogliere elementi che non avevo compreso e dunque non avevo incluso nella mia constatazione della realtà. Non sono mai stato un bracciante agricolo, ma sono sicuro che uno di loro mi può insegnare un sacco di cose. Non sono mai stato neanche un topo di fogna fascista, ma mi è utile comprendere come certi loro stimoli facciano presa su certa gente. Il mio non è uno sdoganamento dell'indeterminazione ideologica, che in genere ha collocazioni ideologiche per nulla indeterminate e sempre coricate sul lato destro del novero di opinioni, ma un discorso sulla disponibilità ad imparare.

sabato 25 novembre 2017

Fantastici sconti, occasioni irripetibili.

E' una settimana che ci menano il torrone, come si dice a Milano, con 'sta vaccata del Black Friday ed io, che ho una personalità oppositiva, mi sono guardato bene dall'approfittare dei fantastici sconti con i quali ci stanno martellando, anche perché è del tutto evidente che ci stanno pigliando per i fondelli.

Come avviene infatti con la nota azienda che propone divani e poltrone, con i suoi simpatici artigiani dalla divertente calata romagnola, quei  fantastici sconti  sono in realtà proposti, in un modo o nell'altro, tutto l'anno.

Si tratta in effetti di uno strumento marketing piuttosto banale, reso possibile da precisi prerequisiti che incidono sulla nostra qualità di vita, ma più come lavoratori che come consumatori.

Quelle fantastiche offerte, proposte tanto frequentemente da essere ormai diventate la normalità, sono infatti il controaltare di condizioni salariali marginali, in un contesto di normative lavoristiche integralmente sbilanciate a favore delle imprese, con lavoratori deboli, ricattati, precari e soggetti a condizioni operative e di vita vergognose e spesso sconfinanti nel paraschiavistico.

E quanto sopra vale se ci limitiamo al caso di produzioni in ambito occidentale, o alla distribuzione, ma se cominciamo a parlare delle snickers di uno dei famosi marchi mondiali, o di qualche pallone e di quasi tutti i capi d'abbigliamento griffati, oggetti cuciti e confezionati da eserciti di minori in antri fumosi e malsani in qualche slum del terzo mondo, allora ci trasferiamo in veri e propri gironi infernali.

Ma anche l'elettronica di consumo, col suo contenuto tecnologico che è fuori della portata esecutiva di bimbetti curvi su deschi sui quali consumano un'infanzia privata della sua innocenza,  viene prodotta ed assemblata in fabbriche lager convenientemente dislocate in paesi che sgomitano per percorrere, in una frazione del tempo occorso all'Inghilterra sette/ottocentesca, la loro personale rivoluzione industriale.

Una fase economica  che infatti si consumerà in una parabola drammaticamente più corta di quella originale, data la vicinanza del modello liberista alla sua consunzione per raggiunti limiti teorici ed operativi, per non parlare del consumo irresponsabile e suicida delle risorse naturali.

In quelle fabbriche la componente umana spesso vale meno delle attrezzature che maneggia, e risulta agevolmente sostituibile, ragione per la quale nessuno vede nelle malattie invalidanti, o nei suicidi da superprestazione, altro che un momentaneo intoppo.
Che si fa di un utensile di poco prezzo che si consuma?   Semplice, lo si getta, e si pesca dal cassetto uno nuovo. Amen!

Quei fantastici sconti sono in realtà resi possibili dallo sfruttamento di forza lavoro sistematicamente privata di forza contrattuale, e configurano non un prezzo di favore, valido solo per occasioni irripetibili, in realtà continuamente reiterate, bensì il reale valore di mercato di oggetti e servizi la cui vendita, a dispetto della presunta convenienza, comporta margini di guadagno abnormi per i colossali players che gestiscono l'affare.

L'economia è un classico esempio di sistema chiuso, a somma zero.   Al suo interno, in un dato momento, la quantità di ricchezza è un dato finito.  Se la sua distribuzione è iniqua i vantaggi stanno solo da una parte, e la cosa configura una prevaricazione sostanzialmente delinquenziale, qualsiasi cosa la mistica liberista appositamente confezionata all'uopo pretenda di dire a riguardo.

Prodotti e servizi vengono proposti a prezzi relativamente bassi ad un'utenza il cui potere d'acquisto viene costantemente mortificato dalle logiche che rendono possibili quei prezzi, in una spirale funzionale assurda, che massimizza i guadagni di pochi a spese del sistema sociale intero, dell'equilibio ecologico del pianeta e con sommo diprezzo della dignità di chi subisce gli effetti peggiori del sistema.

Io non so proprio dire se qualcuno o qualcosa saprà contrastare questo stato di cose, ma se non sapremo darci un limite siamo tutti destinati ad un medioveo distopico ad alta tecnologia e bassa vivibilità, come quello descritto in alcuni racconti o film di fantascienza sgradevolmente verosimili, come il pregevole Elysium.

Per il momento mi accontento di non collaborare troppo.  Opto dunque per gli acquisti che ritengo necessari, escludendo quindi le orge voluttuarie, quando l'oggetto, o il servizio, mi servono effettivamente, cosciente del fatto che l'urgenza di acquisto artificialmente indotta mediante sconti in realtà fasulli è al servizio di interessi assolutamente contrastanti con il mio.

Ma ci sono altre cose che mi rifiuto di fare, come per esempio approfittare degli assurdi orari di apertura della grande distribuzione.   Non ho alcun bisogno di comprare un etto di formaggio, o una camicia iperscontata, alle 22.00 di un sabato notte, o la mattina di S.Stefano.

E se invece non posso fare altro è perché quella possibilità è all'origine delle mie limitazioni, spacciate per opportunità dilatate, un po' come accade con il vetraio che ti sfonda la finestra con un mattone avvolto nel volantino della sua pubblicità.

Il primo passo è sempre la consapevolezza.   Poi, se si è intellettualmente onesti, e civicamente solidali, viene anche l'incazzatura, ovvero il mattone fondamentale di una riscossa veramente necessaria. 

venerdì 10 novembre 2017

Ma vuoi mettere un bel vaffanculo?

Leggo i post e i commenti di molti compagni che plaudono all'eclatante iniziativa dei giovani dei collettivi studenteschi e dei centri sociali che hanno interdetto a D'Alema e alla Camusso l'agibilità di un'aula all'università Federico II di Napoli, e vorrei esprimere alcune valutazioni in proposito

Vorrei, preliminarmente, chiarire che personalmente ritengo D'Alema uno dei principali affossatori dell'esperienza socialista, in senso lato, nella storia italiana, e certo la sua attuale funzione antirenziana non riesce a farmi dimenticare i numerosi, esiziali e marchiani errori compiuti, soprattutto alla luce del fatto che la sua offensiva è volta principalmente alla restaurazione di una formula politica, quella del centrosinistra, che è alla base dell'azzeramento del contrasto al disegno strategico del neoliberismo nel nostro paese.

D'Alema è persona intelligente, ma non è certo uno statista. La sua è la logica correntizia di chi è uso tirare coltellate nei corridoi tra le stanze della sede del partito, con una visione autoreferenziale che vede nella realtà del paese, con il relativo carico di sofferenze e marginalità, solo il necessario presupposto alla sua dimensione di attore politico.

Non sono tenero neanche con la Camusso e con la sua sostanziale, e fatalmente sospetta, inanità di fronte alla controrivoluzione liberista, propiziata dal disastro finanziario del 2008, varata da Monti, ma poi confermata dai governi PD succedutisi.
Non posso essere ben disposto nei suoi confronti anche perché, essendo tesserato CGIL da 41 anni, ed essendo stato membro del comitato degli iscritti della mia SAS per 36, conosco molto bene la deriva che ha afflitto quel sindacato e la sostanziale abdicazione di cui si è reso responsabile.

Se, dunque, fossi stato a Napoli il giorno del convegno, sarei stato impaziente di presenziarvi, in forma organizzata, per contestare a Camusso e D'Alema i loro errori strategici, e chiedere con quale credibilità possano ritenere di essere i giusti artefici di una ricostruzione della sinistra, cosa intendano in realtà quando ne parlano e, alla fine, inchiodarli alle loro specifiche, e gravi responsabilità.

Ma lo avrei fatto all'interno di un dibattito, che avrebbe dovuto essere certamente imposto, dato che il copione del convegno era già scritto, dando a quei due interlocutori lo spazio per esprimersi, confidando tra l'altro che ciò sarebbe andato a loro svantaggio, data l'assoluta evidenza dei loro errori.

Lo avrei fatto presentandomi in modo da non offrire il destro per essere fermato all'ingresso, perché il mio scopo non sarebbe stato quello di alimentare una lettura antagonista marginalizzata, una sorta di vittimismo agito per supplire all'irrilevanza mediatica e, sospetto, alla povertà dottrinaria sottostante, bensì la creazione di un momento di confronto in grado di far scaturire un contrasto dialettico.
Il mio scopo sarebbe stato di dimostrare l'esistenza di un'alternativa al revisionismo dei diversamente PD, un'opzione propositiva e non angustamente interdittiva, abbastanza vitale da andare oltre la dimensione meramente movimentista, seppure in divenire.

Lo avrei fatto tenendo in gran conto i valori di agibilità democratica per i quali i nostri padri, e i nonni di molti degli intervenuti, hanno tanto penato, pagando con la morte e con feroci ferite, nel corpo e nell'animo, perché certi trattamenti dovrebbero essere riservati al solo fasciume che distribuisce testate alla vigliacca ed esibisce labari e saluti romani senza più contrasto, a quel fascismo che riduce la dialettica solo al confronto fisico e sopprime le idee in quanto cascami inutili e costitutivamente sovversive.

Quello che è avvenuto dimostra prima di tutto l'irrilevanza operativa di chi lo ha promosso, e la propensione ad agire secondo una prassi di stampo rozzamente populista, non differente dalla pratica grossolana del vaffanculo militante, un metodo semplice per raccogliere consenso tra chi ha mille ragioni per sentirsi marginalizzato, fornire un bersaglio su cui scatenarsi e poco altro.

I fautori di quell'interdizione oggi potranno consolarsi con l'idea di esistere e di aver negato la possibilità di contrabbandarsi quale soluzione a chi è evidentemente tra le cause dei nostri problemi.


Ottimo. Rimane intatto il problema di ricostruire la sinistra, cosa di cui a mio modesto avviso a Napoli non vi è stata alcuna avvisaglia, magari andando oltre i fischi ed evitando di fornire a certi improbabili salvatori la patente di vittime.

lunedì 6 novembre 2017

"Il cecchino è il primo che muore" (Lestat V)

E' di ieri la notizia di una nuova strage di innocenti nel cuore dell'America rurale, perpetrata nel luogo e nel momento che un evento del genere sconcia più efficacemente: una chiesa, nel "giorno del signore" e mentre i fedeli, mietuti dalla follia dell'omicida, sono riuniti in preghiera.

La cronaca d'oltreoceano ci ha abituati a questo tipo di notizie che ci pervengono con sconcertante regolarità, testimoniando di ripetuti atti di solitaria follia, di persone che, in preda a disperazione o persi in qualche delirante complesso di persecuzione, si armano e urlano il proprio malessere uccidendo innocenti ed inermi che hanno la sola colpa di trovarsi nel luogo e nel momento sbagliati.

E' forse un portato dell'assuefazione se, in questa circostanza, mi sono ritrovato a discutere, sui social, su un aspetto funzionale dell'evento, più che del fatto in sé.     Un mio amico infatti si dichiarava un tantino perplesso per il fatto che le testimonianze parlano di "una ventina di colpi sparati" a fronte dei quali ci sono 27 morti e 24 feriti, imputando la discrepanza alla scarsa attendibilità di testimonianze rese da persone sotto stress.

La verità è che un corpo umano non è un "bersaglio duro", ed una pallottola 357 magnum, per esempio, o una 44, potrebbe trapassare un primo bersaglio e conservare abbastanza energia per uccidere o ferire ancora una o due vittime allineate sulla traiettoria, e in una chiesa si sta raggruppati.

Ho rappresentato questa considerazione dilungandomi in una serie di considerazioni tecniche, che qui ometterò, ma poi mi sono reso conto che apparentemente io ed i miei interlocutori stavamo comportandoci come quei becchini di lungo corso che si puliscono le unghie mentre attendono di riempire la fossa, distaccati e indifferenti di fronte alla morte.

Non è così naturalmente. Su quella tematica in particolare sviluppai una speciale sensibilità a seguito di un'esperienza mentale che feci sotto le armi quando, imbracciando per la prima volta un fucile d'assalto carico, mi chiesi cosa sarebbe successo se, dando fuori di testa, avessi sparato, al poligono, verso i miei commilitoni schierati per tre invece che verso il bersaglio.

In quel frangente fui a un passo dal gettare l'arma, dato che mi resi conto del potere devastante che gestivo in quel momento.    La cosa mi prese di sorpresa; ero molto giovane e non mi ero ancora preso il tempo di analizzare le implicazioni del mio obbligo di leva, essendo questo un passaggio implicito e scontato della mia fuoriuscita dalla condizione di adolescente in attesa di "fare sul serio".

Fu un momento importante della mia vita, che mi rese consapevole di cose cui non avevo mai realmente pensato prima. 
In molti film di guerra, Full Metal Jacket per esempio, si parla del fatto che la mente è la principale componente del "sistema d'arma sniper".
Quando si impugna un'arma carica ci si assume una responsabilità enorme, sempre, anche nell'ambiente controllato di un poligono.
Se la mente è debole o disturbata, o si agisce con leggerezza, il fatto di essere agenti di morte diventa un fattore che assume il controllo della tua volontà.

Ma anche se la mente è equilibrata l'atto di uccidere, ferire o invalidare, soprattutto non sotto l'impulso dell'autoconservazione, comporta un prezzo esorbitante, una perdita di integrità sull'altare di un compromesso tra la tua natura di animale sociale, portatore di una cultura antropologica eticamente evoluta, e le ragioni di sopraffazione del dispositivo organizzato che rappresenti, e per conto del quale agisci.

In questo senso sono stato molto colpito dalla frase che ho utilizzato per il titolo di questo testo.     Il cecchino, quando spara il suo primo colpo "vero",  uccide l'innocente che è in sé, prima ancora che il proiettile esca dalla volata del suo fucile e prima di uccidere il suo bersaglio.

Il folle che ha compiuto la strage in Texas pare fosse un ex militare e che fosse mosso da risentimenti di origine familiare. Mi chiedo se ha provato, la prima volta che ha imbracciato un'arma carica, la stessa inquietitudine che provai io a suo tempo, e quali e quanti punti critici ha incontrato maneggiando, da soldato, i suoi strumenti di morte.  Di certo in uno di quei momenti ha perso il retto cammino.

giovedì 26 ottobre 2017

Tra servo e padrone non v'è nessuna amicizia. (Curzio Rufo)





Io sono già in pensione, fortunatamente e a dispetto del ciclone Fornero che mi ha colpito senza travolgermi, ma non posso fare a meno di mettermi nei panni di coloro che, a un passo dalla quiescenza, si ritrovano continuamente spostata in avanti la linea di traguardo dell'agognato ritiro dalla condizione di lavoratore attivo, per di più in un contesto di forte evanescenza dei posti di lavoro che configura un eventuale licenziamento, o chiusura dell'azienda, al pari di una catastrofe dagli esiti fatali.


E' di questi giorni l'annuncio dell'aumento dell'età pensionabile a 67 anni, a seguito dell'incremento dell'aspettativa di vita, un concetto questo ultimo che sembrerebbe perfino banale, ma che credo nasconda un grosso fraintendimento, come emerge chiaramente, per esempio, nella definizione di Speranza di Vita, così come viene descritta da Wikipedia:


Speranza di vita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il tasso o speranza di vita è un indicatore statistico che esprime il numero medio di anni della vita di un essere vivente a partire da una certa età, all'interno della popolazione indicizzata.

Descrizione

Solitamente l'espressione è usata per indicare il numero medio di anni che ogni neonato ha la probabilità di vivere. Allo stesso modo, molto spesso, senz'altra specificazione, viene riferita implicitamente alla vita umana.
È strettamente correlata alle diverse età: l'allungamento dell'aspettativa di vita alla nascita, ad esempio, può essere la semplice conseguenza della riduzione dei tassi di mortalità infantile, dovuta a migliori condizioni igieniche e sanitarie, senza che vi sia effettivo allungamento nella soglia di vita complessiva delle persone. Questo fatto è spesso all'origine di grossolani fraintendimenti, quando si afferma, in maniera semplicistica e a sproposito, che l'alta speranza di vita di cui gode una certa popolazione ha come conseguenza l'aumento della popolazione anziana (si parla a volte di invecchiamento della popolazione), mentre invece è la semplice conseguenza di bassi tassi di mortalità in età infantile o giovanile o dell'abbassamento dei tassi di mortalità evitabile.
Combinata con l'indice di mortalità infantile, rispecchia lo stato socialeambientale e sanitario in cui vive una popolazione. La speranza di vita, oltre a rappresentare semplicemente un indice demografico, è quindi utile per valutare lo stato di sviluppo di una popolazione.

Dunque l'aspettativa di vita è qualcosa che viene definito da molteplici fattori e non è certo un valore confortevolmente stabile e scolpito nella pietra, trattandosi di un andamento tendenziale che non può prescindere, per quanto ci riguarda, dal fatto che:

  • la qualità dell'assistenza sanitaria è in costante peggioramento;
  • l'incidenza delle patologie croniche non può che aumentare con l'età, elemento strettamente correlato al precedente;
  • le condizioni generali di lavoro sono tali da risultare più usuranti rispetto a solo 10 anni fa;
  • lo stato prevalente di precariato comporta stili e abitudini di vita degradati che hanno grande incidenza sulle condizioni di salute.


In realtà siamo in presenza di un disegno cinico che vuole sistemare le cose scaricando addosso ai peones le esigenze di quell'uno per cento reso soggetto evidente dalla protesta di Occupy Wall Street.
Si abbassano le retribuzioni, dopo aver distrutto lo Statuto dei Lavoratori, e si creano condizioni concorrenziali di accesso ad un'occupazione asfittica, precaria e dequalificata. 

L'aumento dell'età pensionabile serve anche a mantenere al loro posto schiere di giovani impossibilitati a mettere in atto un progetto di vita decente, ragazzi che, una volta divenuti a loro volta anziani, non potranno accedere a nessun trattamento pensionistico dignitoso; non quello pubblico, che i nostri carnefici stanno facendo morire d'inedia oggi, ma neanche quello privato, che avrebbe bisogno di versamenti costanti, del tutto improponibili in un quadro permanente di retribuzioni ridicole e lunghi periodi di disoccupazione.

È così che si uccide un paese, che si sopprime l'anelito vitale di una comunità.
Il liberismo, l'oligarchia che lo esercita draconianamente, i suoi artefici e i suoi picciotti non sono diversi da un virus letale, che colonizza l'organismo ospite fino ad ucciderlo.    La differenza è che un virus compie la sua opera omicida a scopi riproduttivi, per poi trasferirsi altrove; è spietato, ma opera con una logica comprensibile, ancorché inconsapevole.

Il liberismo non ha un altrove nel quale trasferirsi, ma non ha neanche la sensazione di segare il ramo su cui siede, perché gli oligarchi che lo agiscono sanno che, da sempre, chi siede in cima alla piramide sociale casca sempre in piedi, fino a poco tempo fa perlomeno.

Si perché finora non si era mai presentato il problema dell'esaurimento delle risorse, della fine delle frontiere da penetrare, dei mercati vergini da colonizzare.   L'infinito di cui appropriarsi non è quella tavola senza contorni che immaginavano i teorici del liberismo.  Esso è invece una sfera che è infinita solo nel senso che non ha confini invalicabili e che, una volta percorsa interamente la sua superficie, ripropone i campi fumanti e ingombri di rovine che si erano già violentati.

Secondo una figura retorica che utilizzo spesso, il modello liberista non è quello sostenibile dell'agricoltore, che ara, semina e raccoglie, ben conscio di trovarsi in un ciclo ripetibile, ma solo a patto di non stressare le risorse, è invece lo stato mentale del raider che scende nella valle, asporta l'asportabile, consuma sul posto quello che riesce a consumare e distrugge tutto il resto, per poi passare nella valle di fianco.
Il ciclo economico liberista è essenzialmente entropico e miope e parte dal presupposto che una volta esaurito il mercato ed emerse le contraddizioni assolutamente logiche che conseguono, basti spostarsi di lato e ricominciare da capo.


Un tempo, e anche oggi nei paesi definiti emergenti, quel modello iniquamente classista al servizio di una ristretta aristocrazia, magari temperato da una limitata e strettamente controllata mobilità sociale, può aver avuto una funzione propulsiva, pur con costi umani e morali rovinosi, ma oggi che si sbatte il muso contro i limiti di un ambiente sfibrato rimane il fatto incontrovertibile che di frontiere, se si eccettuano lo spazio ed il fondo del mare, ambedue inavvicinabili per via dei costi che comporterebbe il loro sfruttamento, non ce ne sono più.

Ecco dunque che il liberismo, il cui ciclo è diventato sempre più corto e inefficiente come è sotto gli occhi di tutti, produce la sua metastasi finanziaria, un contesto dove la produzione di ricchezza diviene un concetto virtuale che si basa su costrutti artificiosi, non diversi dalla pretesa di sollevarsi tirandosi per i lacci delle scarpe.

In assenza di una prevalente dimensione produttiva dell'economia, il concetto classico di valore aggiunto, ovvero la misura dell'incremento di valore che si verifica nell'ambito della produzione e distribuzione di beni e servizi finali grazie all'intervento dei fattori produttivi (capitale e lavoro) a partire da beni e risorse primarie iniziali, cede il passo alla rendita finanziaria conseguente a speculazioni tenute in piedi da espedienti sempre più azzardati e pronti a implodere sotto il peso delle proprie contraddizioni e dell'avventurismo irresponsabile di chi li concepisce e mette in atto.

In attesa dell'esplosione della prossima bolla speculativa, magari di quella definitiva dei derivati (valore nozionale stimato dei contratti in essere pari a circa 550mila miliardi di dollari, ovvero otto volte il Pil mondiale), le quote di ricchezza che i potenti comodamente assisi in cima alla piramide sociale si assicurano sono tutte a nostre spese, e non potrebbe essere diversamente dato che l'economia è un modello funzionale cosiddetto a somma zero, nel quale il benessere di qualcuno non può che essere a spese di qualcun altro.

Ma il fatto è che in un quadro di depauperamento delle risorse e della ricchezza generale se uno degli attori non intende arretrare nei suoi stili di vita ciò non può che avvenire a spese degli altri, i quali non solo non godono di alcun margine di miglioramento, ma si vedono costantemente defraudati di ricchezza, diritti ed opportunità.

Ricordo con amarezza gli anni della mia infanzia, nei quali il futuro era un concetto indissolubilmente legato al progresso, morale e materiale, quando era dato per scontato che ogni generazione avrebbe migliorato i propri standard per il semplice fatto di spiccare il salto dalle braccia di chi l'aveva preceduta.


Fu senz'altro un'illusione.  Non esiste nulla che possa crescere indefinitamente, ma non è legge di natura il doversi sottomettere per forza all'arbitrio di chi ha fatto dell'egoismo un valore primario e, dopotutto, sarebbe bene renderci conto il prima possibile che stiamo distruggendo l'ambiente che ci ospita, e che urge trovare modelli di vita differenti, più equilibrati e maggiormente solidali.

E' arrivato il momento di reagire, di fermare una corsa dissennata che ci sta portando al suicidio, ma non sarà una cosa che potrà avvenire a seguito di pacate discussioni.     Chi siede in cima non intende rinunciare a nulla, si tiene stretto tutto quello che ha e ci guarda con un ghigno di derisione, sputandoci in testa i noccioli dei dolci frutti che ci vengono negati.

Hanno costruito un contesto ferocemente classista, noi, gli iloti, da una parte e loro, gli spartiati, dall'altra.     Il titolo di questo testo non è scelto a caso.